ricerca rapida

il mio carrello 0 prodotti nel carrello
  guarda il carrello
  concludi l'acquisto
07/12/2018 Orari periodo natalizio
   
Dal 7 al 24 dicembre Notorius rispetterà i seguenti orari di apertura:

Dal lunedì al sabato tutti i giorni: 9:30-13:00 / 15:30-19:30
Domeniche: 10:00-13:00 / 15:30-19:30



   
06/11/2018 I nostri consigli del mese - novembre
   
Jan Svankmajer

Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.


1. Minimal Film - L'Universo del Cinema Reinterpretato Graficamente (LIBRO)

Dall'autore dell'apprezzato Filmology, Matteo Civaschi, arriva un altro bel libro di grafiche minimali ispirate a celebri film. Se volete dargli un'occhiata, lo abbiamo sfogliato velocemente in questo video Instagram.


2. Star Trek - The Original Series Communicator (MERCHANDISING)

Per i trekker più duri e puri abbiamo questa perfetta replica del comunicatore della serie originale degli anni Sessanta. Completo di suoni e luci.


3. Studio Ghibli / Miyazaki - Bacchette Chopstick e Set da Pranzo (MERCHANDISING)

Ecco qua la nostra collezione dello Studio Ghibli per i vostri pasti asiatici: bacchette, set bento, cucchiai per zuppe. Tutto ciò che serve per colorare la vostra tavola con il meglio dell'animazione nipponica da Totoro a Kiki.


4. Il Mondo di Jan Svankmajer (DVD)

Se ancora non lo possedete, questo può essere il momento giusto, visto che lo abbiamo momentaneamente in offerta. Doppio DVD antologico per uno dei più grandi maestri dell'animazione a passo uno. Con Svankmajer si entra in un universo surreale, inquietante e a tratti anche divertente. La tecnica della stop-motion al servizio di un genio assoluto.


5. Il Sacrificio del Cervo Sacro (DVD / BLU-RAY)

Dopo aver stupito le platee di tutto il mondo con il precedente The Lobster, torna Yorgos Lanthimos con un nuovo scioccante film. Altrettanto surreale nelle premesse, ma decisamente meno divertito, Il Sacrificio del Cervo Sacro sonda gli abissi dei rapporti famigliari e dei timori della genitorialità. Come sempre geniale nella sua originalità, con interpreti straordinari ed una messa in scena ed una recitazione in ugual misura fredde, lucide, minimali. Secondo noi, anche meglio del film precedente.





   
15/10/2018 I nostri consigli del mese - ottobre
   
Sweet Smell Of Success - Piombo Rovente
Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.

1. Piombo Rovente (DVD)
Uno dei ritratti più spietati, cinici e disperati della società americana che si siano mai visti. Primo film statunitense di Alexander Mackendrick dopo le commedie nere inglesi Ladykillers e The Man In The White Suit, prodotto dalla società di Burt Lancaster, che giganteggia anche in qualità di attore accanto ad un perfetto e viscido Tony Curtis. Una sorta di noir urbano, da cui mutua il linguaggio e l'estetica adattandoli però ad una vicenda ed un testo lontani anni luce dai canoni del genere. Terribilmente attuale, non sorprende che sia uno dei film preferiti di Martin Scorsese. Un grande film americano da (ri)scoprire.

2. Harry Potter - Bacchette (MERCHANDISING)
Negli ultimi mesi abbiamo notato un rinnovato interesse - sì, ANCORA di più - intorno al mondo di Harry Potter e ai personaggi ideati da J.K. Rowling. Oggi vogliamo proporvi la bellissima collezione di repliche delle bacchette magiche ammirate nella fortunata serie di film. Ogni personaggio è caratterizzato da una bacchetta magica unica che ne riflette esteticamente la personalità, e ognuna di queste bacchette è una riproduzione fedelissima dell'originale.

3. Thom Yorke - Suspiria (CD / 2LP)
In uscita il 26 ottobre in CD e doppio LP, è la raccolta delle musiche scritte dal leader dei Radiohead per il remake realizzato da Luca Guadagnino del classico di Dario Argento. Nulla di più distante dallo score originale dei Goblin, ma altrettanto funzionale. Ballate pianistiche sempre delicate e sospese, nenie oscure che sembrano provenire dall'aldilà, nello stile inconfondibile di Yorke.

Spiegare l'universo di Cesare Zavattini ai bambini: ecco l'obiettivo di questo pregevole albo illustrato di Giuseppe Vitale edito da Edizioni Libre di Gualtieri. Delicato, divertente ed evocativo.

Joaquin Phoenix regala l'ennesima grande interpretazione in questo brutale e cupo thriller di Lynne Ramsay in cui uno sbandato mercenario viene ingaggiato per salvare la piccola figlia di un politico locale da un giro di prostituzione. Il massiccio e silenzioso Phoenix si aggira in una New York notturna e cimiteriale, avvolto dalle bellissime musiche di Jonny Greenwood, deciso a fare giustizia. The Times lo ha definito il Taxi Driver del 21° secolo.





   
17/09/2018 I nostri consigli del mese - settembre
   
Hedy Lamarr
Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.

1. Bombshell - La Storia di Hedy Lamarr (DVD + LIBRO)
Hedy Lamarr è stata una delle donne più intraprendenti, geniali, belle ed importanti della storia dell'umanità. Non solo fu una delle più grandi star del cinema, era considerata "la donna più bella del mondo" (i personaggi di Biancaneve e Catwoman furono forgiati sulla sua figura) ed ebbe una vita privata e sentimentale decisamente avventurosa. Ciò per cui forse dovremmo maggiormente ringraziare Lamarr oggi è la sua passione segreta: lo studio di una tecnologia di trasmissione del segnale che ha contribuito a gettare le basi per l'odierna rete telefonica e wi-fi. Il documentario e il libro approfondiscono la sua storia.

2. L'Isola dei Cani (DVD/BLU-RAY)
Wes Anderson torna all'animazione stop-motion anni dopo la splendida riduzione di Fantastic Mr. Fox e centra di nuovo il bersaglio. L'Isola dei Cani è un'altro capolavoro di intelligenza, delicatezza e acume politico.

I film li avrete visti forse tutti. Ma se non avete mai letto i romanzi originali scritti da Paolo Villaggio, vi siete persi la parte più crudele e divertente. Potete recuperare tutto con questo conveniente volume che raccoglie i tre romanzi Fantozzi, Il Secondo Tragico Fantozzi e Fantozzi Contro Tutti.

Coinvolgente biografia scritta da David Weddle dedicata alla vita e alla carriera di uno dei più grandi avventurieri del cinema americano. Un personaggio leggendario, perennemente sul filo del rasoio, celebre per i suoi eccessi e le liti furibonde con i produttori, ma anche uno degli autori più originali e significativi tra la fine degli anni 60 e i primi anni 70.

5. Dogman (DVD/BLU-RAY)
Riuscitissimo ritorno di Matteo Garrone, che dopo l'ambizioso - e secondo noi splendido - fantasy de Il Racconto dei Racconti, ritorna alla cifra che gli è più abituale: il racconto di un fatto di cronaca nera che supera la più sfrenata fantasia. La capacità di Garrone di restiruirci personaggi ai limiti della società, così reali e così fantastici al contempo, rimane insuperata.




   
11/09/2018 Venezia 2018: il palmares
   
Alfonso Cuaron
Vince il Festival di Venezia Alfonso Cuaron con Roma. Leone d'Argento Gran Premio della Giuria a The Favourite di Yorgos Lanthimos. Leone D'Argento Premio per la Miglior Regia a Jacques Audiard con il film The Sisters Brothers. Coppa Volpi per Olivia Colman e Willem Dafoe. Qui la lista completa dei premi.



   
17/07/2018 I nostri consigli del mese - luglio/agosto
   
Pittori di Cinema - Maurizio Baroni

Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.


1. Starry Eyes (DVD / BLU-RAY)

In qualche modo profetico ed anticipatore del terremoto scatenatosi negli ultimi tempi intorno alla figura di Harvey Weinstein e al lato oscuro di Hollywood, questo Starry Eyes è un bel meta-horror sulle tentazioni della fama e su quanto siamo disposti a sacrificare della nostra integrità per ottenere i risultati che bramiamo. È la storia di una trasfigurazione, di una resa al lato più egoista e meschino della natura umana.


2. Pittori di Cinema (LIBRO)

Maurizio Baroni è forse il più importante collezionista italiano di locandine, poster e affissioni cinematografiche. Già anni fa dalla sua collezione furono pubblicati tre splendidi volumi. Oggi la Lazy Dogs propone questo nuovo librone illustrato e organizzato per autori, che mette in mostra quella che è una vera e propria scuola grafica riconosciuta a livello mondiale. Qui sulla nostra Instagram TV potete vedere un breve video che mostra il volume.


3. David Bowie - Christiane F. (CD / VINILE)

Colonna sonora dell'omonimo film di Uli Edel, ristampato recentemente anche in vinile, è una sorta di compendio del periodo berlinese di Bowie. Contiene infatti - anche in versioni alternative - brani prodotti dall'artista inglese a Berlino per album come The Lodger, Heroes, Station to Station e Low tra il 1975 e il 1978, gli stessi anni in cui è ambientato il film.


4. Harry Potter - Bambole Mattel (MERCHANDISING)

Le Bambole dei personaggi di Harry Potter prodotte dalla Mattel sono bellissime. Dettagliate, con vestiti in stoffa e accessori vari.


5. Slow West (DVD)

Esordio alla regia del musicista scozzese John Maclean (The Beta Band), questo western crepuscolare risale ormai a tre anni fa ma solo ora trova una pubblicazione italiana. Fa parte di quel filone di western a tinte oniriche e psichedeliche inaugurato dal bellissimo Dead Man di Jim Jarmusch ed è la storia di una progressiva perdita di innocenza di fronte alla durezza della vita in un mondo sconosciuto e violento. A fare da Virgilio al protagonista di questo viaggio all'inferno c'è un Michael Fassbender nei panni di uno spietato cacciatore di taglie.





   
07/06/2018 I nostri consigli del mese - giugno
   
Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.


1. Isle of Dogs O.S.T. (CD)

Ogni nuovo film di Wes Anderson porta con sé una nuova, elegante colonna sonora. Non fa eccezione l'ultimo L'Isola dei Cani. Musiche originali di Alexandre Desplat (Grand Budapest Hotel, Harry Potter e i Doni della Morte, La Forma dell'Acqua), più qualche perla nascosta della musica nipponica (la cantante Teruko Akatsuki, il flautista/percussionista Kaoru Watanabe).


2. Tre Manifesti a Ebbing, Missouri (DVD / BLU-RAY)

Secondo noi è stato il film più bello del 2017. Dal sapore innegabilmente "coeniano" - a partire dalla scelta degli attori, su tutti l'eccezionale Frances McDormand - è una specie di noir molto intimo e toccante, più interessato ad indagare i tormenti dei personaggi che la vicenda criminosa che solo apparentemente è al centro della trama. Si finisce con l'affezionarsi anche ai personaggi più oscuri, tanta è l'empatia del regista/sceneggiatore Martin McDonagh. Davvero eccellente.


3. La Migliore Offerta (DVD / BLU-RAY)

È uno dei nostri bestseller degli ultimi anni. E a ragion veduta. Tornatore dirige un bel cast internazionale che ruota attorno al sempre più bravo Geoffrey Rush. Un thriller dai toni a tratti hitchcockiani sull'arte e sull'atto della visione e della mistificazione. Un gioco ad incastri elegante, raffinato e doloroso.


4. MiniVip e SuperVip - Il Mistero del Via Vai (LIBRO)

A 50 anni esatti dall'uscita di quello che può a ragione essere considerato uno dei più importanti film d'animazione della storia del cinema italiano (se la gioca con gli altri titoli dello stesso regista, tutti gli altri se ne facciano una ragione), Bruno Bozzetto torna a scrivere una storia di MiniVip e SuperVip, i due improbabili fratelli supereroi che gli diedero fama mondiale. Disegnata da Grégory Panaccione e pubblicata dalla sempre meritevole Bao Publishing, Il Mistero del Via Vai è una lunga graphic novel, un film su carta imperdibile per tutti i fan del genio di Bozzetto.


5. Art by Jon Carling (STAMPE D'ARTE)

L'artista californiano Jon Carling è stato recentemente nostro ospite per presentare le sue illustrazioni per Le Avventure di Pinocchio di Collodi. Prima di andarsene ci ha lasciato un po' di materiale - tutto splendido - da tenere in vendita qui in negozio: stampe d'arte, adesivi e sketchbook. Perfino un paio di t-shirt.





   
26/05/2018 Jon Carling - Stampe, adesivi, t-shirt
   
Jon Carling
L'evento che ha visto l'illustratore californiano Jon Carling ospite della nostra libreria è stato un successo. Prima di tornarsene a casa Jon ha desiderato lasciarci un po' di suo materiale che potrete acquistare in negozio o tramite il sito. Oltre al bellissimo libro Le Avventure di Pinocchio con le sue illustrazioni originali, potrete trovare alcune stampe eslcusive, adesivi e magliette.




   
20/05/2018 Cannes 2018 - I vincitori
   
Si è concluso il Festival di Cannes 2018. Palma d'Oro a Manbiki Kazoku di Kore-Eda Hirokazu, Grand Prix a Blackkklansman di Spike Lee. L'Italia se ne torna a casa con il premio per il migliore attore a Marcello Fonte per il nuovo film di Matteo Garrone Dogman e con quello per la migliore sceneggiatura ad Alice Rohrwacher per Lazzaro Felice (ex equo con Jafar Panahi). Qui tutto il palmares.



   
14/05/2018 I nostri consigli del mese - maggio
   
Phantom Thread OST
Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.

I Mondiali di calcio sono alle porte, i primi a cui noi non parteciperemo da 60 anni a questa parte. Consoliamoci allora con questa raccolta di 100 film sul calcio selezionati e presentati da Ignazio Senatore. Si va dai soliti sospetti (Fuga Per La Vittoria, Sognando Beckham) a quelli in cui il tema è meno appariscente ma comunque centrale (Il Secondo Tragico Fantozzi, My Name Is Joe). Il libro è organizzato per sezioni (Calciatori, Presidenti, Arbitri, Tifosi, ogni componente del mondo calcistico è ben rappresentata) ed ogni scheda contiene dati tecnici, trama, commento e gustose "frasi cult".

2. Hollywood Fail (LIBRO)
"Le risposte scientifiche agli errori e agli orrori del cinema e delle serie TV", recita il sottotitolo. Quante volte vi è capitato di guardare un film pensando che qualcosa non tornasse del tutto? Anacronismi, errori scientifici, magie mediche. Questo libro mette a nudo le varie castronerie messe in scena sullo schermo. Castronerie che, sia chiaro, siamo sempre ben disposti a lasciar correre in favore di una trama avvincente.

Jonny Greenwood, noto ai più come chitarrista dei Radiohead, si conferma quest'anno come il più talentuoso compositore per il cinema della sua generazione. Sono ben due le uscite che lo interessano, a poche settimane l'una dall'altra, molto diverse tra loro ma entrambe eccellenti. In arrivo a giorni c'è infatti la colonna sonora del bellissimo You Were Never Really Here, tutta costruita su sintetizzatori analogici, drum machine e campionamenti. È però già disponibile quella per il film di Paul Thomas Anderson Phantom Thread, un saggio di eleganza orchestrale che riporta alla mente il Bernard Herrmann dei migliori film di Hitchcock. Qualità e versatilità raramente si sono sposate con tale successo.

Fuori catalogo da lungo tempo, è ora nuovamente disponibile grazie alla A & R Productions il capolavoro noir di Louis Malle. Il classico plot degli amanti che pianificano l'assassinio del marito di lei si complica a causa di un semplice blocco dell'ascensore su cui lui sta fuggendo dalla scena del delitto. Le musiche, leggendarie almeno quanto il film, sono di Miles Davis, che le registrò nell'arco di una sola notte improvvisando sulle immagini del film.

Drughi? Guardate che belle!





   
13/05/2018 Pinocchio by Jon Carling
   
Pinocchio by Jon Carling
Venerdì 25 maggio avremo come gradito ospite l'illustratore americano Jon Carling per presentare la nuova edizione delle "Avventure di Pinocchio" di Carlo Collodi edita nella collana Kufferle di Incontri Editrice. Un'edizione speciale illustrata magistralmente da Jon con una postfazione di Andrea Rauch. Jon sarà a disposizione dalle ore 16:30 per realizzare disegni per il pubblico presente a fronte di un piccolo contributo all'Associazione Picnic. Alle 18 presenteremo il libro.
È possibile prenotare in anticipo un disegno di Jon inviando una email all'indirizzo redazione@picnicfestival.it



   
18/04/2018 I nostri consigli del mese - aprile
   
Do Not Feed The Zombies

Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.


1. Twin Peaks - Stagione 3 (DVD/BLU-RAY)

Come vogliamo chiamarla? "La stagione evento"? Più semplicemente "terza stagione"? Insomma, David Lynch, a 25 anni di distanza da quando rivoluzionò il mondo dei serial televisivi, come promesso, ci riporta a Twin Peaks per una nuova, lunga (18 episodi) cavalcata nell'allucinato universo in cui si ritrova invischiato il povero agente Dale Cooper. Non è il Lynch degli anni '90, è il Lynch attuale, quello post-Inland Empire. Gioca con la nostalgia senza rimanerne irretito. E se lo chiedete a noi: è eccezionale. Una commistione davvero unica di crime, spassosa sit-com, atto surrealista e video-arte, con un lavoro sul suono pazzesco. Di nuovo, come sempre: un passo avanti rispetto a tutto il resto. E saprà anche commuovervi.


2. Cell Block 99 (DVD)

Uno dei film che più ci colpì e che più consigliammo (e per la qual cosa ricevemmo più ringraziamenti!) lo scorso anno fu il western cannibalistico Bone Tomahawk di S. Craig Zhaler. Ora esce il suo secondo film, un durissimo noir interpretato dal miglior Vince Vaughn che si sia mai visto: dimagrito ma comunque colossale nella sua presenza, ci consegna un personaggio disposto a tutto per poter salvare l'amata moglie. Estremamente grafico e violento ma a suo modo tenero, sentimentale. Zhaler continua con successo nella sua opera di conquista del nostro cuore cinefilo.


3. Hellraiser III - Hell On Earth Puzzle Cube (MERCHANDISING)

Siete fan della serie horror Hellraiser ideata da Clive Barker? Siete fan del famoso cubo di Rubik? Entrambe le cose? Allora questo fa proprio per voi: dimenticatevi i quadratini colorati! Qui, dopo averle scombinate, dovrete rimettere al proprio posto le caselle della "Scatola di Lemarchand" per poter aprire le porte dell'Inferno abitato dai terribili Cenobiti! Auguri.


4. Warning: Please Do Not Feed The Zombies (MERCHANDISING)

Non si è mai troppo sicuri, quando si ha a che fare con un'epidemia di morti viventi. Disponibile sia in formato calamita che come targa in metallo, questa insegna potrebbe salvare la vita a voi e ai vostri cari.


5. David Williams - Pictures From No Man's Land (POSTER)

Siamo nella settimana d'inaugurazione di Fotografia Europea 2018. Nel ricordarvi che anche noi ospiteremo una mostra per il Circuito Off, "Spaziotempo Urbano" di Giampiero Monetti (visitabile dal 20 al 30 aprile), abbiamo deciso di consigliarvi uno dei tanti poster fotografici disponibili in negozio, una fotografia dello scozzese David Williams tratta dal progetto Pictures From No Man’s Land, una serie di fotografie scattate nella St. Margaret’s School for Girls a Edimburgo nel 1984. Gli scatti, che sono il frutto di una convivenza di sei mesi all’interno della scuola, sono un documento sull’infanzia e una riflessione sul tema della crescita in tutte le sue molteplici variazioni.




   
17/04/2018 Fotografia Europea 018: Spaziotempo Urbano di Giampiero Monetti
   
Giampiero Monetti Spaziotempo Urbano
Nel contesto del Circuito Off di Fotografia Europea 2018 ospiteremo la mostra "Spaziotempo Urbano" di Giampiero Monetti. 9 scatti realizzati all'interno delle ex Officine Reggiane. Ingresso gratuito dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 19:30, chiuso giovedì e domenica. Apertura straordinaria domenica 22 aprile.



   
16/03/2018 I nostri consigli del mese - marzo
   
Shining - The Grady Twins Pop

Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.


1. Il Cinema delle Avanguardie (DVD)

Bella raccolta di film brevi realizzati dalle frange più sperimentali del Novecento. Dadaisti, cubisti, surrealisti all'inizio del Novecento immaginavano un futuro più effervescente e visionario di quello che avrebbe portato la Seconda Guerra Mondiale. Man Ray, Hans Richter, Marcel Duchamp, Jean Epstein, Joris Ivens sono solo alcuni degli autori rappresentati in questo avventuroso viaggio.


2. Edda Dell'Orso Sings Ennio Morricone (LP)

Bellissima raccolta di brani scritti dal Maestro del cinema italiano e interpretati dalla meravigliosa voce soprano di Edda Dell'Orso ristampati in vinile. Dalla celebre aria di C'era una Volta il West al più recente tema per Il Segreto del Sahara.


3. L'Armata delle Tenebre (DVD/BLU-RAY)

La Midnight Factory  decide di omaggiare uno dei film culto più amati dai fan dell'horror e lo fa esagerando proprio. L'Armata delle Tenebre di Sam Raimi, terzo capitolo della saga de La Casa, viene presentato in questo cofanetto super lussuoso a tiratura limitata contenente ben 3 blu-ray, 4 DVD, un libro illustrato di 44 pagine e la riproduzione del Necronomicon, il libro dei morti, con tanto di pentacolo che si illumina al buio. Pronti ad affrontare ancora una volta l'esercito degli scheletri?


4. Buster Keaton - Memorie a Rotta di Collo (LIBRO)

Se lo chiedete a noi, è stato il più grande comico del cinema muto. Il più grande di tutti, sì, anche di quell'altro gigante famosissimo che tutti avete in mente e che nonostante sia stato un enorme regista e un attore strepitoso non ha mai avuto lo stesso spericolato atletismo di Buster, quello che rendeva Keaton una sorta di cartone animato vivente. Questo libro è un'autobiografia frizzante e divertente come i suoi film, una lettura che ci riporta nella folle Hollywood degli anni '20 del Novecento.


5. Shining - The Grady Twins Pop (MERCHANDISING)

Vi hanno dato gli incubi per anni, ora potete metterle sul comodino. La Funko ci ha appena mandato questo Pop delle due inquitanti gemelline di Shining.




   
05/03/2018 Oscar 2018 - I vincitori
   
Guillermo Del Toro Oscar 2018
Trionfo per Guillermo Del Toro e il suo The Shape Of Water: miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura e miglior colonna sonora originale. Premiati come migliori protagonisti Gary Oldman (Darkest Hour) e Frances McDormand (Three Billboards Ouside Ebbing, Missouri). Chiamami Col Tuo Nome di Luca Guadagnino, presentatosi con quattro nomination, porta a casa solo il premio per la miglior sceneggiatura non originale, scritta da James Ivory. Tre statuette anche a Dunkirk di Christopher NolanQui tutti i premi. Per gli appassionati di basket come noi si segnala il ringraziamento in italiano di Kobe Bryant.



   
13/02/2018 I nostri consigli del mese - febbraio
   
What We Do In The Shadows

Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.


1. Blade Runner 2049 (DVD/BLU-RAY)

Come dare un seguito ad uno dei film più iconici della storia del cinema? Ci è riuscito, a nostro parere con successo, il canadese Denis Villeneuve. Certo, le atmosfere cambiano, i personaggi pure. Ma forse proprio per questo, grazie al coraggio di affrancarsi dall'originale, il film riesce ad avere una propria dignità. Gosling riesce nel non facile compito di portare ad un nuovo livello l'antico adagio eastwoodiano "con cappello, senza cappello".


2. Tutto Jean Vigo (3DVD+2BLU-RAY+LIBRO)

Nuova prestigiosa pubblicazione della Cineteca di Bologna con l'opera omnia dell'importante autore francese. Ai classici L'Atalante e Zero In Condotta si aggiungono il cortometraggio A Proposito Di Nizza e il cinegiornale Il Nuoto Secondo Jean Taris, Campione Di Francia. Il tutto è disponibile sia in DVD che in Blu-ray all'interno dello stesso cofanetto, arricchito dall'usuale libro con saggi di Enrico Ghezzi, Michele Canosa, Francois Truffaut, lo stesso Vigo ed altri.


3. What We Do In The Shadows (DVD/BLU-RAY)

Taika Waititi ha recentemente raggiunto una fama planetaria grazie alla regia del film Marvel Thor: Ragnarock, nel quale ha portato la propria estetica spudoratamente pop e l'umorismo leggero tipicamente neozelandese. Ma già da anni il buon Waititi dirige (e interpreta) deliziose commedie colpevolmente poco note dalle nostre parti. La sempre più meritevole Midnight Factory inizia a colmare le lacune con questo autentico gioiello di horror-comedy in cui facciamo conoscenza di un gruppo di quattro vampiri che convivono a Wellington. Il linguaggio è quello del fake-umentary, ovvero del finto documentario, attraverso il quale seguiamo la quotidianità strampalata di questo gruppo di bizzarri - e a tratti spietati - amici. Spassosissimo.


4. La Via Lattea (DVD)

Non crediamo di sbagliarci di molto se affermiamo che dal lontano 2001, quando abbiamo aperto questa nostra piccola libreria, questo di Luis Bunuel è stato uno dei film più richiesti in assoluto. Finalmente, più di 15 anni dopo, grazie alla A & R Productions possiamo godere di un'edizione italiana di questa pellicola del 1969 in cui due pellegrini sul cammino di Santiago incontrano una serie di personaggi storici e in costume che, attraverso il linguaggio del surrealismo, fungono da chiave di lettura sulla storia della dottrina cristiana e delle sue eresie.


5. Il Casanova Di Fellini Ieri E Oggi 1976-2016 (LIBRO)

Libro celebrativo - e catalogo della mostra dallo stesso titolo - per i 40 anni del più inquietante capolavoro felliniano. Con molti documenti inediti, lettere, disegni, foto, testi da archivi e collezioni private, il libro esplora quello che Simenon definì "una vera e propria psicanalisi dell'umanità".




   
15/01/2018 I nostri consigli del mese - gennaio
   
I Giardini del Fantastico

Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.


1. Giardini del Fantastico - Pier Luigi Gaspa & Giulio Giorello (LIBRO)

Le meraviglie della botanica, dal mito alla scienza in letteratura, cinema e fumetto. Piante carnivore, vegetali dallo spazio, funghi parlanti e querce guerriere. Tutta la flora più folle che mente umana abbia immaginato raccolta in un bel volume illustrato.


2. I 400 Calci: Manuale di Cinema da Combattimento (LIBRO)

Action, horror ed eccezioni meritevoli. Attivo dal 2009, il sito I 400 calci ha cambiato il linguaggio della critica cinematografica restituendo importanza ai generi marginali, miscelando intelligentemente competenza, umorismo ed autoironia. Ora quella filosofia sta alla base del primo manuale pubblicato dal collettivo formato da Nanni Cobretti, Casanova Wong Kar-wai, Darth Von Trier, Quantum Tarantino, Cicciolina Wertmuller & Co. Una raccolta di recensioni, approfondimenti e riflessioni semiserie sul cinema che ci spegne il cervello.


3. X Files: Mulder & Scully Action Figures (MERCHANDISING)

Coppia di figure dedicate ai due agenti speciali più amati della TV. Li vediamo talmente inseparabili l'uno dall'altra che li vendiamo solo in coppia. Entrambi i personaggi sono corredati da diversi accessori: distintivi, armi, mobilio da ufficio, teste e mani alternative.


4. Goksung - The Wailing (DVD/BLU-RAY)

I coreani son strani e ci piacciono proprio per questo. Goksung è un oggetto davvero peculiare: un giallo poliziesco in tinte horror su una vicenda soprannaturale, con un protagonista totalmente inetto che cerca di far fronte ad uno scontro tra entità troppo grandi per lui. Ma ne va della sua famiglia e della piccola comunità in cui vive. Anche dopo ripetute visioni è difficile decifrare esattamente lo svolgersi degli eventi, tutto è ammantato da una fitta coltre di mistero e di non detto. Ma proprio questo accresce il fascino di un'opera originale e stimolante.


5. Stranger Things - Music from the Netflix Series (CD)

Archiviata ormai anche la seconda stagione di una delle serie di maggior successo degli ultimi anni, non resta che continuare ad immergersi nelle sue atmosfere sonore. Questa non è la colonna sonora originale (già pubblicata in più volumi), ma una raccolta delle numerose canzoni d'epoca che costellano lo svolgersi della serie. Tutto eccellente: dai Clash ai Joy Division, dalle Bangles a Peter Gabriel, passando per Bon Jovi, Devo, New Order e perfino Toto.






   
10/01/2018 Promozione 3x2!
   
Disponibile solo fisicamente in negozio! Decine di titoli eccezionali prezzati a 7.99 euro ed acquistabili con la formula 3x2: ne paghi due e il terzo te lo regaliamo noi! Decine di titoli in continuo aggiornamento, quasi ogni settimana ne abbiamo di nuovi. Ma attenzione: sono disponibili solo fino ad esaurimento e la promozione non è disponibile tramite sito internet. Dovete venire a trovarci in negozio!



   
03/12/2017 I nostri consigli del mese - dicembre
   
Frankenstein Junior

Appuntamento mensile con la nostra rubrica in cui consigliamo alcuni film o libri che ci sono particolarmente piaciuti questo mese, non necessariamente novità uscite ora, magari classici riscoperti o rivisti recentemente. Speriamo possa essere anche per voi un'opportunità per scoprire o riscoprire nuovi e vecchi piaceri cinematografici. Cliccate sui titoli per raggiungere l'articolo sul nostro sito.


1. John McCabe - Mr. Laurel & Mr. Hardy (LIBRO)

Per la prima volta tradotta in italiano la biografia definitiva (e l'unica autorizzata) su Stanlio e Ollio. Corredata di numerose foto.


2. C'era Una Volta Sergio Leone (7xDVD / 7xBLU-RAY)

Finalmente ristampato, e per la prima volta anche in blu-ray, il box dedicato a Sergio Leone. Contiene C'era Una Volta in America, Il Colosso di Rodi e tutti i western.


3. Coraline - Replica Doll (MERCHANDISING)

Splendida bambola di Coraline, uno dei personaggi più riusciti tra quelli prodotti dalla mente di Neil Gaiman. Questa è una replica perfetta delle bambole originali utilizzate per il film diretto da Henry Selick.


4. Star Wars - Christmas Ball Set (MERCHANDISING)

Due set distinti da 12 palline ciascuno per trasformare il vostro albero natalizio in una base ribelle.


5. The Walking Dead - Negan's Lucille Bat Replica (MERCHANDISING)

Ok, non sarà forse l'oggetto più natalizio del nostro catalogo, ma lo sappiamo che adorerete questa replica in schiuma della famosa mazza da baseball di Negan. Garantito: non sfascia crani.




   
30/09/2017 Stranger Things: il merchandising ufficiale
   
Stranger Things
È stata la rivelazione televisiva dello scorso anno ed ora siamo felici di presentarvi il merchandising ufficiale della serie!




   
16/01/2017 Das Cabinet Des Dr. Nebbia - Episodio 4
   
Dr. Nebbia

Rubrica di cinema a periodicità anarchica a cura di Andrea Bruni


La Dolce Morte - Sul Mastorna di Fellini


Il più grande film che non sia mia riuscito a veder la luce, il felliniano G. Mastorna, ha avuto una genesi costellata di sogni rivelatori, di oscuri segnali di morte. E questo fin da quando il Riminese, grande esperto di viaggi nell’Aldilà, ancora doveva dar forma a questa macabra fantasia dal sentore testamentario. Nella primavera del 1965 Dino Buzzati riceve una telefonata di Fellini, di passaggio a Milano, desideroso di incontrarlo. I due non si conoscevano ma il Grande Mistificatore non celava una passione per lo scrittore risalente al 1938 quando scoprì Lo strano viaggio di Domenico Molo, un romanzo breve in cui un ragazzino muore e finisce nel Regno dell’Attesa, col suo triste rosario di processi e condanne. Ed è fuori di dubbio che l’ispirazione per ciò che è (o avrebbe potuto essere? O sarà?) il Mastorna nasce da qui. I due decidono di incontrarsi in un ristorante famoso per il pesce. La serata sarà dominata dalla presenza di Domenico Molo e dalla quasi tangibile voglia di un Fellini gesticolante ed entusiasta di trarne un film. 

Ma ecco il primo segnale iettatorio: nella nottata sia la giovanissima Almerina, moglie di Buzzati, che il regista vengon ricoverati per una intossicazione alimentare. Nonostante questo inzio di percorso accidentato (e Fellini, come è noto, era superstioziosissimo) nasce una stagione di simbiosi, come ci ricorda Tullio Kezich: “L’affettuosa simbiosi artistica fra Buzzati e Fellini si prolunga per un anno e più, con telefonate pressoché quotidiane: l’abitudine del regista di chiamare la mattina molto presto sconvolge la vita della coppia milanese, abituata a far tardi la sera. Dai discorsi sul film ne nascono altri, spesso legati al mondo della magia e della metapsichica”. Buzzati è infatti impegnato in un’indagine per Il Corriere intitolata In cerca dell’Italia misteriosa, per la quale trova la totale complicità di Fellini che ama circondarsi, al pari di un principe rinascimentale, di maghi, veggenti, medium. E qui entra in campo il secondo segnale, questa volta veramente iettatorio, anche se svelato dal timido sorriso fanciullesco di Pasqualina Pezzolla, una vecchina di Porto Civitanova Marche, che aveva fama di grande veggente: Buzzati, in quel salottino irto di immagini sacre, accettò di fare da cavia ma quel donnino si ritrasse e, con grande imbarazzo, prese in disparte Federico pregandolo “di star vicino al suo amico che certo non stava bene…” Buzzati, infatti, era già in cura per la terribile malattia che lo avrebbe sconfitto nel gennaio del 1972. 

La sceneggiatura del film, comunque, avanza e Fellini riesce a convincere Dino De Laurentiis, rimasto scottato dall’essersi fatto scappare l’immortale La Dolce Vita. Tutto sembra proseguire nel migliore dei modi, ma il regista comincia a mal sopportare la rigidità stilistica di Buzzati, la sua perenne volontà di smussare gli angoli, di ingentilire con una sorta di “magico realismo” le zone d’ombra, le pagine più misteriche ed inafferrabili. Nella tarda primavera del 1966 parte il titanico carrozzone produttivo, tipico di ogni pellicola felliniana, ma ecco giungere il terzo segnale nefasto: un giorno, mentre Fellini è solo nel suo ufficio ha un incredibile incubo a occhi aperti: ha, pur se per pochi secondi, l’atroce sensazione che il Duomo di Colonia (scelto come modello per l’imponente chiesa del film) gli crolli addosso. Quando riprende coscienza, Federico si accorge di aver fatto - senza rendersene conto - un volo di 4 metri che lo ha schiantato contro la parete di fronte. Per il Maestro è panico allo stato puro: comincia ad esser sempre più insofferente verso il progetto “Mastorna”, anche perché lo stimatissimo (e temutissimo) Gustavo Rol, veggente torinese, pare gli abbia fatto scivolare in tasca un biglietto con scritto “Non fare questo film”. Dopo tira e molla (anche giudiziari) legati alla scelta dell’interprete (De Laurentiis impone Ugo Tognazzi) e alle fughe e “variazioni sul tema” di Fellini, nell’aprile del ’67 pare si debba cominciare quello che ha assunto il titolo di Assurdo Universo ma, nella notte del 10, Fellini viene ricoverato d’urgenza in ospedale per una infezione polmonare (i giornali, maligni, parleranno di “tognazzite” vista la nota avversione del Riminese per la “scelta” di De Laurentiis). E’ la fine. Sul Mastorna viene definitivamente posta la pietra tombale. 

Scampoli, di tale mostruoso “Opus Magnum”, di questo erratico viaggio nella Città dei Morti, comunque si troveranno in tutte le opere successive del Maestro: il corteo del Papa, col Pontefice mostrato su di una immensa sedia gestatoria, al pari di un Dio Assiro, conclude la sequenza della “sfilata di moda ecclesiastica” presente in Roma; il tragico motel ove prende alloggio il Mastorna sarà poi quello di Ginger e Fred; la premiazione di vecchie mummie incanutite su di un palco avvolto da fumi catacombali, è la stessa del successivo Toby Dammit.

Ma che cos’è esattamente Il Viaggio di G. Mastorna? E’ il Punto di Non Ritorno. 

Da qui in poi, dopo questo viaggio di sola andata nella città di Dite, è come se Felllini - ex abrupto - dalla lettura, che so, di Gogol, fosse passato al “Necronomicon”.

E’ per colpa di quella cittadina mitteleuropea fagocitata da perenni nebbie, che le successive città immortalate dal Grande Mistificatore, persino l’amatissima Roma (vedasi l’omonima opera del 1972), sembreranno cupi agglomerati urbani rubati alle pagine più cupe di un Hoffmann, e più putrescenti di un doccione descritto da Baudelaire.

Nel 1990 Fellini scriverà, con la complicità di Tullio Pinelli, la sceneggiatura per un fumetto affidato all’abile pennello di Milo Manara (che già si era occupato di un adattamento, ovviamente incompiuto, del Mastorna), Viaggio a Tulum, in cui il Nostro, con la complicità di Jodorowsky e di Vincenzo Mollica (!) intraprende un viaggio “iniziatico” in Messico. Facile, anche qui, in codesta opera “senile” scovare echi quasi persecutori del fantasmatico Mastorna: “Ricordati che non devi inoltrarti nella putrida oscurità dove regnano le forze della morte”, lo ammonisce la voce di uno sciamano, ad un certo punto del fumetto.

Mastorna, il più inafferabile dei misteri felliniani. 

Del resto, già nella prima stesura di sceneggiatura, Buzzati asseriva di aver scelto tal nome aprendo a caso l’elenco telefonico di Milano.

Il poeta Andrea Zanzotto vedeva già nel nome un vessillo di Morte, visto che il piccolo, patetico, violoncellista protagonista del film, è colui che “mas torna”, che mai potrà tornare.


=> Consulta il nostro catalogo dedicato a Federico Fellini




Andrea Bruni


Ai tempi della scuole elementari scopre Silvan e decide che nella vita farà il prestigiatore. Alle medie incontra sulla sua strada "Il cavaliere inesistente" di Calvino e comprende che il suo mestiere sarà quello dello scrittore. Ma la sua vita cambierà al Ginnasio per colpa di Enrico Ghezzi che presenta un epico ciclo di visioni notturne (Freaks, Simon del deserto, Il corridoio della paura): una vita rovinata. Per "venerare" il cinema ne ha fatte di tutti i colori: organizzare rassegne nei più remoti anfratti di montagna; scrivere un paio di libri che han venduto meno dell'autobiografia di Iva Zanicchi; impegnare i gioielli di famiglia per farsi mandare dal Giappone i dvd di Takashi Miike.




   
07/10/2016 Das Cabinet Des Dr. Nebbia - Episodio 3
   
Dr. Nebbia

Rubrica di cinema a periodicità anarchica a cura di Andrea Bruni


Distruzione di Dimenticare Venezia


La maestrina Eleonora Giorgi, in tripudio di flou e archi pizzicati, fa la vispa Teresa fra l’erbetta con dei cloni di Renato Cestiè; ride al rallenty, è felice, forse per esser passata direttamente dalle mani adunche di Alfredo Rizzo (Suggestionata) a quelle da pianista polacco di Franco Brusati. Ma l’aria da Une Partie de Campagne dura poco: ora la maestrina Giorgi fa una faccia da pala d’altare bizantina: ha infatti visto - malcelati dalla verzura - una coppia intenta a farsi una sana trombata agreste. Contemporaneamente la sua fidanzata, una Mariangela Melato (s)pettinata come Nino Manfredi nei panni di Geppetto - giusto per far capire anche ai cedri che è lesbica - si rifugia nella soffitta della stalla di famiglia per dialogare un po’ con i fantasmi della propria infanzia. La vedremo, con i veli della Prima Comunione ancora addosso, tirar freccette sul ritratto dell’odiatissima madre (sempre la Melato, ma stavolta con la parrucca di Harpo Marx). Sempre nello stesso istante il di lei fratello, Erland Josephson, lasciato l’efebone di turno a giocar a calcetto, si rifugia nel mulino abbandonato per dialogare un po’ con i fantasmi della propria infanzia. Lo vedremo, bello come un putto leonardesco, pender dalle labbra del Rossino, l’amico del cuore, che senza togliersi la tonaca rossa da chierichetto, cerca di farsi una sega sulla Maja Desnuda («Goya…Troia…», sussurra, con la bava alla bocca, il bimbo) e poi sulla Venere dormiente (“Giorgione, la se ciama sta vaca?!” sbotta il Rossino nel momento più sublime del film).

E siamo solo a venti minuti dall’inizio della pellicola! Forse, invece di dimenticare Venezia, il raffinato Brusati (al pari della cosceneggiatrice Iaia Fiastri) avrebbe dovuto scrollarsi di dosso il ricordo ossessivo di Luchino Visconti, col suo corollario di decadenti languori mitteleuropei, e degli scabri, lancinanti, kammerspiel di Ingmar Bergman. E invece no: l’autore di Pane e cioccolata (1972) spinge l’accellerattore sull’ammiccamento letterario creando un putrescente mosaico in cui i racconti istriani di Quarantotti Gambini, la Trieste à la Joyce di Svevo, Il Giardino dei Ciliegi di Cechov, cozzano con le tettine antigravitazionali della Giorgi e con il pisello di David Pontremoli.

All’epoca ci fu chi gridò al capolavoro; ora sembra solo il parente ricco di Amore e morte nel giardino degli dei.


=> Acquista il dvd Dimenticare Venezia




Andrea Bruni


Ai tempi della scuole elementari scopre Silvan e decide che nella vita farà il prestigiatore. Alle medie incontra sulla sua strada "Il cavaliere inesistente" di Calvino e comprende che il suo mestiere sarà quello dello scrittore. Ma la sua vita cambierà al Ginnasio per colpa di Enrico Ghezzi che presenta un epico ciclo di visioni notturne (Freaks, Simon del deserto, Il corridoio della paura): una vita rovinata. Per "venerare" il cinema ne ha fatte di tutti i colori: organizzare rassegne nei più remoti anfratti di montagna; scrivere un paio di libri che han venduto meno dell'autobiografia di Iva Zanicchi; impegnare i gioielli di famiglia per farsi mandare dal Giappone i dvd di Takashi Miike.




   
14/06/2016 Das Cabinet Des Dr. Nebbia - Episodio 2
   
Dr. Nebbia

Rubrica di cinema a periodicità anarchica a cura di Andrea Bruni


La Signora Ammazzatutti


Chi è davvero convinto che John Waters, dai tempi di Polyester, si sia messo al balcone sorseggiando Moet-Chandon e ruttando di tanto in tanto, giusto per ricordare, a se stesso, le proprie puteolenti origini, dovrebbe riguardare, col senno di poi, Serial Mom. Che è puro cinema “terroristico”. Sì, ok; tutto è lindo, soave, accomodante; dalle “sozzerie” di Robert Crumb sembra di esser passati alle verande sorridenti di Norman Rockwell… Ma nessuno è d’accordo con me nel dire che se Waters, superati gli “anta”, avesse continuato a riprendere, fra mille sghignazzi, drag-queen coprofaghe, sarebbe risultato patetico come Ozzie Osbourne o come quei vecchietti che si intravedono nei giardini pubblici con gli occhi pallati e la patta sbottonata? Il “sistema” si combatte molto meglio dal suo interno, e Serial Mom lo dimostra.   


Estraniamoci per un attimo e non pensiamo a codesto film come al frutto di Waters ma come ad una semplice commedia con Kathleen Turner pronta per essere servita al famelico pubblico americano del week-end… Ve l’immaginate l’imbarazzo (sentimento provato, ai tempi dell’uscita, anche da diversi critici americani) nel vedere quel “pervertito” di Paul Reubens che compra un bambolotto di Pee Wee Hermann, cioè del proprio alter-ego, quando ancora era l’idolo di tutti i bambini d’oltreoceano? E che dire della “star” hollywoodiana Kathleen Turner che inanella una sfilza di “Cocksuker” e “Pussy Face” con catarrosa enfasi, degna di un portuale? E come non provare - sempre per l’americano medio, ovvio - un moto di sdegno nel vedere una giuria che ospita al suo interno la miliardaria, ex terrorista simbionista, Patricia Hearst?...


Beverly Sutphin è la figlia segreta di “Ozzie and Harriet” (la coppia archetipica della sit-com americana), è la vicina di casa preferita di Lucille Ball; il suo ginecologo - ci si può scommettere - è Bill Cosby, cioè il dottor Robinson…Eppure Beverly Sutphin è un’assassina. Beh, che c’è di strano?, sembra suggerirci John Waters. Sono finiti i tempi di Doris Day e di Rock Hudson: il Grande Sogno Americano è stato divorato dai vermi brulicanti che fan da sipario al lynchano Velluto Blu. Morta la matrice originale non resta che la sua parodia: Un’America sull’orlo di una crisi di nervi, da isteria collettiva implosa, in cui un omicida seriale può divenire un eroe mediatico e Suzanne Sommers può essere accolta nell’aula di un tribunale con gli onori che solitamente si usano per un capo di stato… Ripetiamo, che c’è di strano? In un sublime, vorticoso, gioco di parole, (che crea un puro vortice semantico), Kathleen Turner, messa alle strette dal marito e dai figli che le domandano se davvero lei è una “serial killer”, replica affermando di conoscere solo i “cereals” che affettuosamente prepara quotidianamente nel proprio tinello di marzapane, rubato alle pagine di “House and Gardens”… Ecco che Waters, con semplicità ed una limpidezza cristallina, ha svelato il marciume che da decenni gli americani cercano di celare con quintali di glassa: l’Orrore, il Perturbante, non è “fuori”, come si pensava negli anni Cinquanta, ma “dentro”: nel tinello di casa, in quegli asfittici set casalinghi rubati all’ultima delle situation-comedies…Ringraziamolo, quindi, per aver smesso di giocherellare con i propri coltellini assieme agli amichetti di Baltimora: Waters è vivo e lotta insieme a noi.  


=> Acquista il dvd La Signora Ammazzatutti




Andrea Bruni


Ai tempi della scuole elementari scopre Silvan e decide che nella vita farà il prestigiatore. Alle medie incontra sulla sua strada "Il cavaliere inesistente" di Calvino e comprende che il suo mestiere sarà quello dello scrittore. Ma la sua vita cambierà al Ginnasio per colpa di Enrico Ghezzi che presenta un epico ciclo di visioni notturne (Freaks, Simon del deserto, Il corridoio della paura): una vita rovinata. Per "venerare" il cinema ne ha fatte di tutti i colori: organizzare rassegne nei più remoti anfratti di montagna; scrivere un paio di libri che han venduto meno dell'autobiografia di Iva Zanicchi; impegnare i gioielli di famiglia per farsi mandare dal Giappone i dvd di Takashi Miike.




   
10/05/2016 Das Cabinet Des Dr. Nebbia - Episodio 1
   
Dr. Nebbia

Rubrica di cinema a periodicità anarchica a cura di Andrea Bruni


Pensione Paura


Strano anno, il 1978: Giuliano Montaldo ci propone con Circuito chiuso un claustrofobico “meta-giallo”, ambientato all’interno di una sala cinematografica, con tanto di omicidio durante la proiezione di uno spaghetti-western; Gianni Amelio comincia a dar sfogo alla propria “magnifica ossessione” con La morte al lavoro dove André Bazin balla un valzer con Bernard Hermann; lo sceneggiatore Maurizio Costanzo decide di esordire dietro alla macchina da presa con Melodrammore, bislacca narcisata che cerca di destrutturare con il grandangolo dell’affettuosa parodia il cinema di Matarazzo e Gentilomo arrivando a scomodare persino Amedeo Nazzari… Tentativi, anche goffi, oramai sperduti nel buio ma estremamente significativi di uno “stato generale” del cinema italiano di quegli anni, alla disperata ricerca di una propria identità e di una accorta metabolizzazione del nuovo culto cinephile.   


Pensione Paura si inserisce all’interno di questo percorso. Deve farlo, perché altrimenti, a guardarlo, come si è sempre tentato di fare, sotto l’ottica dei “generi” (morboso all’italiana, gotico avatiano, etc…) allora il film è un disastro. Ma non può essere così, non deve essere così: Francesco Barilli, cresciuto a pane e buon cinema (Pietrangeli, Bertolucci) è persona troppo colta e raffinata per non aver ravvisato, con Pensione Paura, un sottotesto, una molteplice chiave di lettura che vada al di là delle butirrose tettine di Leonora Fani o dell’irsuto derrière di Luc Merenda…Personalmente voglio vedere Pensione Paura come un apologo lucido e feroce, sulla falsariga de L’ultimo giorno di scuola prima delle vacanze di Natale (1975) di Gian Vittorio Baldi, altro bell’esempio di “eccentrico” emiliano-romagnolo. Certo, il regista di Fuoco! sceglie, come suo solito,  la macchina a spalla e le ombre sporche di una pellicola sgranata, per fotografare gli orrori e le paranoie del fascismo giunto alla sua fase terminale, a differenza del Barilli che, da bravo pittore, continua a costruire ogni singola scena come fossero raffinati tableaux vivant. Due idee di cinema quasi opposte, quindi, che però convergono nella scelta dell’allucinata parabola irrealista e del suo stordente potere affabulatorio.


L’opera di Barilli si apre con un’immagine bellissima, solare: la virginale Leonora Fani che, indossato l’abito dei dì di festa, solca un corso d’acqua accarezzato da folti grovigli d’erbe palustri: uno scorcio impressionistico di morbida, sensuale, eleganza, degna del più dotato dei macchiaioli, Giunta la protagonista nell’alberghetto avito, (la “Pensione delle Rose”) ecco che il film, ex abrupto, ha una prima sbandata: ai cieli tersi, ai riverberi dorati del sole, si sostituisce la fredda luce di una lampadina che con verticale rigore sgrana, come in un silente rosario, muri scrostati e volti tumefatti: Silvestro Lega passa la tavolozza a Felice Casorati.


Le giornate della bella, dolce, Leonora si dipanano tristemente in un appiccicoso susseguirsi di angherie domestiche e di soprusi sessuali: la guerra sembra essersi portata via tutti gli uomini integri, con la testa sulle spalle: a render più inquiete quelle spoglie stanze non restano che i cascami di un’umanità da basso impero. Secondo scarto: Felice Casorati passa la tavolozza ad Otto Dix. Solo con le lenti deformati della Nuova Oggettività tedesca è possibile, infatti, digerire la grottesca Totentanz finale che mette al bando ecpirosi catartiche o sublimi purificazioni, abbandonando, nel grigiore di un’alba livida,  la povera Leonora al proprio destino di morte.         





Andrea Bruni


Ai tempi della scuole elementari scopre Silvan e decide che nella vita farà il prestigiatore. Alle medie incontra sulla sua strada "Il cavaliere inesistente" di Calvino e comprende che il suo mestiere sarà quello dello scrittore. Ma la sua vita cambierà al Ginnasio per colpa di Enrico Ghezzi che presenta un epico ciclo di visioni notturne (Freaks, Simon del deserto, Il corridoio della paura): una vita rovinata. Per "venerare" il cinema ne ha fatte di tutti i colori: organizzare rassegne nei più remoti anfratti di montagna; scrivere un paio di libri che han venduto meno dell'autobiografia di Iva Zanicchi; impegnare i gioielli di famiglia per farsi mandare dal Giappone i dvd di Takashi Miike.




   
24/05/2014 Breaking Bad
   
BB
La serie-rivelazione degli ultimi anni ha raccolto una rara unanimità di consensi da parte di pubblico e critica in tutto il mondo. Tutte le stagioni sono disponibili in DVD e un ricco apparato di merchandising ha invaso i nostri scaffali!
-> Visita il nostro catalogo di Breaking Bad: dvd, poster, tazze, t-shirt, ecc...



   
09/01/2014 I Simpson omaggiano Miyazaki
     
  I Simpson omaggiano Miyazaki


 

 

 

05/07/2013 La storia dei formati cinematografici
     
  La storia dei formati cinematografici

Avete sempre avuto una gran confusione in testa in merito ai vari formati cinematografici? Non riuscite a distinguere tra 4:3, 16:9, 1:78, 1:85, ecc...?? Non ci avete mai capito nulla? Se masticate l'inglese provate a dare un occhio a questo interessantissimo filmato che ripercorre la storia dei diversi formati dall'origine del Cinema ad oggi.

 

 

 

29/06/2013 David Lynch firma il nuovo video dei Nine Inch Nails
     
  David Lynch firma il nuovo video dei Nine Inch Nails


 

 

 

03/04/2013 Star Wars: tonnellate di nuovo merchandising!
   
Star Wars
Il negozio è stato invaso da un'orda di nuovissimi pupazzi, tazze, portachiavi e quant'altro. Tutto marchiato Star Wars!
-> Sfoglia il nostro catalogo di merchandising di Star Wars



   
14/12/2011 Marvel vs DC!
   
Batman vs Spider-man
Siete fan dei fumetti e dei supereroi? Visitate le nostre due collezioni di film tratti dai fumetti Marvel e DC!
-> Vai alla Collezione Marvel
-> Vai alla Collezione DC Comics



   
07/12/2011 Monty Python Mania
   
Monty Python biografia
Visitate la nostra collezione di dvd, blu-ray e libri dei Monty Python

-> Vai al catalogo Monty Python



   
02/03/2011 I'm Here - Il nuovo film di Spike Jonze disponibile online
   
I'm here
Il nuovo mediometraggio di Spike Jonze, "I'm here", è disponibile gratuitamente online.
Prodotto dalla Absolut Vodka, il film è un vero gioiello di poesia cinematografica ed indica una nuova possibile via alla produzione, ovvero la possibilità di finanziamenti agli artisti da parte di grandi aziende non con lo scopo di realizzare uno spot pubblicitario tradizionalmente inteso, bensì finalizzati alla creazione di una vera e propria opera indipendente.
Alla Absolut evidentemente hanno intuito prima di altri che un'operazione del genere è capace di generare una diffusione virale in rete (peraltro gestita spontaneamente dagli utenti stessi e senza costi di distribuzione esorbitanti come quelli per i passaggi televisivi) ed apprezzamenti sinceri per la scelta di finanziare un'opera d'arte piuttosto che un tormentone televisivo.
Intanto guardatevi il film perché è splendido. Poi, bevete responsabilmente.